Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

Acqua uso irriguo
 Analisi acque uso irriguo

 Perché fare l’analisi

L’analisi dell’acqua irrigua è un presupposto fondamentale per la produzione florovivaistica: è necessaria per evitare eventuali fenomeni di fitotossicità per le coltivazioni, per razionalizzare la concimazione (soprattutto nel caso della fertirrigazione) e decidere se installare o meno un particolare impianto di trattamento per l’acqua.
Di seguito si illustra come orientarsi sul tipo di analisi più adatta alla specifica situazione e come interpretarne i risultati. 

 Quale analisi fare

  Analisi acque uso irriguo

I parametri analitici rilevanti

La scelta dei parametri da richiedere al laboratorio (tab. 3) è il risultato di un compromesso tra la necessità di raccogliere più informazioni possibili e il loro costo.  

 

Quando fare l'analisi

  Analisi acque uso irriguo

L’analisi può essere fatta in qualsiasi periodo dell’anno, ma si deve tenere presente che le caratteristiche dell’acqua possono variare sensibilmente in funzione della piovosità stagionale, in particolare nel caso di fonti idriche superficiali. Se non si conosce il comportamento del proprio pozzo è quindi opportuno fare inizialmente almeno due analisi per indagare eventuali variazioni della composizione dell’acqua:

  • una in un periodo piovoso 
  • l’altra in uno siccitoso

In seguito sarà sufficiente ripetere il controllo in laboratorio ogni 1-3 anni, eseguendo comunque delle verifiche periodiche del pH e della conducibilità elettrica (EC)