Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

Il Laboratorio Kemi Lab  s.r.l. è un servizio di riferimento nella provincia di Lecce, per la misurazione e valutazione della concentrazione di gas Radon per tutte le attività aperte al pubblico.

A chi è rivolto: Tutte le attività aperte al pubblico, le aziende che possiedono locali di lavoro interrati o seminterrati.

Riferimenti legislativi: Art. 10 BIS D.Lgs. 230/95 e successive modifiche

Sanzioni: In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto fino a 3 mesi, ammenda da € 2.600 a € 10.300 circa.

Modalità d'erogazione: Sopralluogo/sopralluoghi per raccolta dati e posizionamento dosimetri; Sopralluogo/sopralluoghi per ritiro dosimetri; Predisposizione della relazione; Consegna della documentazione redatta.

Cosa è il radon

Il gas radon costituisce oggi in Italia la seconda causa di cancro al polmone dopo il fumo di tabacco. L’esposizione a questo importante inquinante ha luogo negli ambienti confinati, principalmente nelle abitazioni, e varia in funzione di numerosi fattori quali la natura del suolo, l’area geografica, la tipologia di edificio, l’assetto impiantistico etc. Dal radon è possibile difendersi attraverso la messa in atto di azioni di risanamento e prevenzione a livello degli edifici, che non possono prescindere dalla mappatura del territorio, dall’esecuzione di un adeguato monitoraggio ambientale e da una corretta informazione al cittadino sulla natura del rischio e sulle azioni di tutela.

Come misurare il radon

Perché misurare il radon:  Come già detto nel capitolo 2 il rischio da radon aumenta al crescere della concentrazione di questo gas nell’aria interna dei locali di un’abitazione e del tempo di permanenza in tali locali. In altri termini se la concentrazione del gas in un ambiente chiuso è alta, è elevato – soprattutto per i fumatori – anche il rischio di sviluppare un tumore al polmone, ma un rischio, per quanto minore, esiste anche a concentrazioni più basse in caso di lunghi tempi di permanenza. Mentre è possibile avere indicazioni di massima sull’entità della presenza di radon in zone più o meno estese del territorio, non è possibile prevedere con precisione la quantità di questo gas presente in una data abitazione; inoltre, come già detto, è impossibile avvertire la presenza di radon mediante i sensi. Di conseguenza, per sapere quanto radon c’è in una data abitazione è necessario eseguire misure del livello di radon in aria (espresso come concentrazione in aria – Bq/m3 ) mediante opportuni sistemi di misura. La conoscenza della concentrazione di radon in un’abitazione consente di valutare l’opportunità o meno di intraprendere azioni di rimedio.

Per quanto tempo: Per ottenere una misura significativa del livello di radon medio cui si è esposti all’interno di un’abitazione è necessario tener conto che la concentrazione del radon varia, oltre che da zona a zona del territorio e da casa a casa, anche nel tempo, a causa dei numerosi fattori che condizionano questo fenomeno. La presenza del radon in un ambiente chiuso varia continuamente sia nell’arco della giornata (generalmente di notte si raggiungono livelli più alti che di giorno) sia stagionalmente (di norma in inverno si hanno concentrazioni maggiori che in estate). Pertanto, è importante che la misura si protragga per tempi lunghi, generalmente un anno. In questo caso, in funzione del tipo di strumentazione impiegata la misura può articolarsi in uno o più rilievi consecutivi.

Dove effettuare la misura: I locali da considerare per valutare il livello di radon in un’abitazione sono quelli più frequentati dagli occupanti, ad esempio la camera da letto, il soggiorno etc.; in genere vengono esclusi il bagno e la cucina (salvo che si 49 tratti di ampi locali ad uso soggiorno), ripostigli, garage, cantine. In ogni caso, nei locali utilizzati per la misura e nel resto dell’abitazione si devono mantenere le normali abitudini di vita e di impiego. Il livello di radon varia generalmente anche tra un piano e l’altro degli edifici: ai piani più bassi o interrati, laddove il contatto con il suolo è maggiore, è probabile trovare concentrazioni di radon più elevate. Nel caso di un’abitazione distribuita su un singolo piano è sufficiente, in generale, una misura in un unico locale; per abitazioni multipiano è possibile eseguire un’unica misura al piano abitato più basso (ciò in un’ottica di cautela, in quanto al piano più basso ci si attende il livello di radon più elevato). Resta inteso che si possono prevedere misurazioni in più locali distribuiti su più piani dell’abitazione, allo scopo di eseguire indagini più accurate.

Come effettuare le misure: Lo strumento di misura più opportuno per rilevazioni di lungo periodo (generalmente un anno) è il cosiddetto dispositivo o dosimetro passivo. I dosimetri passivi sono di piccole dimensioni e non necessitano di alimentazione elettrica; essi forniscono un valore medio della concentrazione di radon in aria nel periodo di esposizione (detto anche periodo di campionamento). I dosimetri sono costituiti da un contenitore di materiale plastico, che ospita un elemento sensibile al radon (rivelatore a tracce o elettrete). Questi strumenti non emettono alcuna sostanza o radiazione I dosimetri possono essere collocati in un locale, ad esempio appoggiati sulla superficie di un mobile, su una mensola, etc., per un determinato periodo di tempo, al termine del quale vengono restituiti al laboratorio per l’effettuazione dell’analisi